giovedì 18 ottobre 2007

Ho cinque cerchi alla testa


08/08/08 è la data di inizio delle olimpiadi cinesi. Cioè non una copia che costa meno, proprio quelle genuine. Fatte a mano. Che costano tantissimo. È stato scelto l'otto agosto duemilaotto perché non ha nemmeno una erre.
Io sono uno sportivo e so che cosa significa sudare come un tricheco inseguito per anni e anni per sentire di non essere la penisola di un divano e per avere una qualche coppetta che, in vecchiaia, potrò mostrare a mio nipote, ma soprattutto sbattergliela in testa quando torna alle 4 dalla discoteca “pillole di balordoni”. Per questo motivo non me la sento di boicottare questa manifestazione. Per gli atleti. Non tanto per i grandi campioni, ma per quei manovali dello sport che remano, pattinano, baseballano, maratonano e compagnia bella riuscendo a malapena ad arrivare a fine mese e che si dopano con pane e mozzarella, che costano più dell'eritropoietina di bufala. Sportivi che vedono nelle olimpiadi l'unica risposta all'erotema socratico “chi me l'ha fatto fa'?”.
Gente che, tutti i giorni, dopo 6 ore di lavoro e 4 di allenamento, pensa che sarebbe stato più facile fare uno sport più remunerativo, tipo l'amico di un motociclista o il farmacista della juve.
Quindi viva le olimpiadi. Ho avuto anche modo di rallegrarmi di alcuni provvedimenti presi dal governo cinese in risposta ai dubbi e alle polemiche sollevati da quella piccola parte del pianeta che loro chiamano “lesto del mondo”. Giacché mi trovo a parlarne vi enumero le interessanti iniziative elaborate a seguito del puntiglioso accanimento di Amnesty International (sono tutte rigorosamente vere):

Enumero 1: istituito il “giorno della fila”, per insegnare alla sgarbata popolazione a rispettare l'ordine e il prossimo.
Enumero 2: lanciata una durissima campagna antisputi: gli irriverenti abitanti avvezzi a liberarsi dell'eccesso di produzione ghiandolare attraverso eiezione propulsiva, sono stati persuasi con ogni mezzo a desistere da tale tradizione. L'ufficio per il Civismo di Pechino ha registrato un calo della frequenza degli sputi dall'8,4% del 2005 al 4,9% di quest'anno (giurin giuretta è vero!). In caso di perniciosa insistenza degli sputatori è in cantiere l'ipotesi estrema di far divenire questa usanza, disciplina olimpica (questo non è vero, spero).
Enumero 3: multe salate previste per i tassisti che saranno colti con la loro vettura maleodorante o, colmo di violazione degli umani diritti, con i capelli non lavati.
Enumero 4: gli abitanti di Pechino sono stati gentilmente invitati ad imparare qualche frase in inglese (idioma usato da una minoranza della popolazione mondiale) oltre alle ben note “vuoi un paio di nike?” e “se parli con il Dalai Lama ti friggo e ti servo a tranci”.
Enumero 5: degli elegantissimi muri sono stati eretti per coprire la vista dei quartieri dei malnati. Incidentalmente qualcuno dei diversamente abbienti è rimasto cementato nell'operazione estetica che, per inciso, è costata una cifra che sarebbe stata sufficiente a rendere digenti gli indigenti.
Enumero 6: i supermercati sono stati forniti con 50.000 cocomeri cubici (non è un'unità di misura è un frutto) e sponsorizzati. L'operazione di ingegneria genetica agevola un ottimale stoccaggio della merce e predispone il consumatore a giocare a dadi prima di mangiare.

Vi sentirete in sintonia con me nell'affermare che qualcosa si è fatto. Certo rimangono ancora fuori da questa pletora di iniziative, tappa dell'evoluzione del vivere civile, alcuni marginali dettagli talmente trascurabili da non destare la minima preoccupazione.
Il meteo per esempio è un problema incipiente per le manifestazioni sportive, ma gli scienziati cinesi hanno già sperimentato un cannone al cianuro impoverito che spazza via le nuvole lasciando solo un coreografico (cioè disegnato da un coreano) fungo atomico. Non che questo risolva il problema perché, nuvole o no, la cappa di smog che copre Pechino lascia intravedere il cielo circa cinquanta giorni l'anno. Tanto che le gare di giavellotto si svolgeranno al chiuso perché l'attrezzo rischia di infilzarsi nell'aria. Invece le lunghe gare di resistenza, come la maratona, la marcia o il ciclismo, verranno probabilmente trasferite in una località limitrofa più arieggiata: Vetralla.
Sempre riguardo l'inquinamento sussistono ancora due questioni di ordine normativo: la prima riguarda le gare di fondo di nuoto (nel senso di lunghe non a fondo) il cui regolamento non fa menzione alcuna sulla possibilità di correre sul pelo dell'acqua (visto che l'unico che ci riusciva l'hanno messo in croce per altri motivi) e questo vuoto legislativo andrà colmato visto che, grazie a una patina di petrolio e catrame, vedremo molti nuotatori con le scarpette chiodate.
L'altra questione riguarda le analisi antidoping che, grazie all'acqua di rubinetto e ad una leggerissima adulterazione dei cibi, risulteranno tutte talmente sballate da confondersi con le analisi delle acque di scolo di una centrale termonucleare.
Anche l'inezia dei diritti umani è vicina ad una soluzione dignitosa. I siti olimpici sono stati costruiti sopra ai quartieri e sulle scuole dei cinesi che si ostinano ad essere poveri e quindi a non abitare in centro (a volte senza nemmeno svegliarli) risolvendo due problemi in un colpo solo. I bambini (che santa cacca hanno sempre la faccia tosta di sopravvivere a tutto) sfrattati dalle loro scuole e dai loro quartieri, sono stati sistemati in centri di accoglienza dove vengono tenuti allegri da catene di montaggio di gadget olimpici.
Il problema libertà di stampa è stato accoppiato alla sicurezza e, come due piccioni, sono stati risolti con una fava di idea. Impegnare 20.000 poliziotti a tenere i dissidenti in carcere o comunque lontani dai giornalisti occidentali a costo di dare loro una vacanza premio. A Vetralla.
Sarà comunque un'olimpiade diversa. Il contesto storico renderà alcune manifestazioni particolarmente originali. A causa del traffico, che a Pechino ha la fluidità di uno sfasciacarrozze in cui sia esplosa una bomba a frammentazione, alcune piste di atletica sono state costruite direttamente sulle tangenziali e non sarà inconsueto trovare a metà rettilineo un semaforo a richiesta. La fossa olimpica (tiro a piattello) verrà ribattezzata in fossa comune olimpica e al posto degli inquinanti piattelli con polvere rivelatrice, verranno lanciati dissidenti politici, giornalisti e blogger. L'iniziativa è volta a dimostrare l'impegno del governo cinese nella riduzione delle pene di morte, confidando nel fatto che qualcuno sbaglierà bene mira ogni tanto.
Anche il regolamento olimpico sarà adattato alle circostanze geopolitiche. Ora, per esempio, il Cio prevede l'eliminazione dei corridori dopo due false partenze. A Pechino hanno voluto dimostrare di essere divenuti magnanimi e, al posto dell'eliminazione, la scorrettezza verrà punita con l'arresto. Questa iniziativa ha destato qualche perplessità persino tra i rappresentanti dei civili e democratici governi amici del colosso cinese, come il Myanmar e il Sudan (campioni interprovinciali di sterminio di fazioni concorrenti). I dubbi vertono sulla pistola dello starter che, essendo fedele ed economica copia di una vera pistola da starter, tende fare cilecca. È quindi probabile che il colpo di pistola verrà sostituito da un più affidabile “VIAAAAAAAAAAA” che però in cinese si dice “chanuolìnaniaomaotsetung”. Il vero problema è che per pronunciare la frase che significa “falsa partenza” ci vuole un tempo sufficiente a completare i 3000 siepi. E nemmeno in un buon tempo.
Ho il vago sospetto che saranno proprio olimpiadi cinesi.

Technorati Tags: ,

11 commenti:

Neottolemo ha detto...

Da noi si dice: stai 'ncazzat?

cruman ha detto...

mmmmm aspetta che ci penso...
non ho capito!

Neottolemo ha detto...

Ok, ti scrivo la versione lunga.
Tutto questo astio verso gli organizzatori (detti anche bovari) mi sorprende se proviene da te, che come dicevo prima (oggi sto sempre qua) sei solitamente pacato.

cruman ha detto...

ma sai, la vicenda del tibet, la birmania, i diritti civili, la speculazione sullo sport.... ok so incazzato.

Essenza ha detto...

Potevano mica iniziarla con un po' di anticipo la campagna antisputi ed estenderla a tutto il pianeta? Magari si evitava che i membri del CIO sputassero con tanto vigore sulla Carta Olimpica!

Anonimo ha detto...

ottimo Cruman....anche per 11minuti???? complimenti di cuore!!!!!

cruman ha detto...

essenza meglio sulla carta che in faccia!

anonimo: ringraziamenti anonimi!

Franca ha detto...

Mi trovi perfettamente d'accordo con l'analisi sulla situazione cinese; che in Cina ci siano tanti, anzi tantissimi problemi è certamente vero e nessuno può metterlo in discussione.
Ma quante Olimpiadi sono state fatte in paesi con altrettanti problemi? C'è stato altrettanto sdegno?
La Francia, solo per fare un esempio, in Birmania ha interessi giganteschi (Total). Nelle ultime sanzioni previste dalla UE, proprio per non toccare questi interessi, è stata vietata l'importazione del legno, ma non quella delle materie energetiche.
Se le Olimpiadi fossero state in Francia, avremmo chiesto la chiusura dei gasdotti birmani (tra l'altro costruiti con i lavori forzati)?

cruman ha detto...

sono d'accordo con te franca, anzi ti dirò di più, volevo anche scriverlo ma mi è passato di mente. comunque come ho detto secondo me boicottare le olimpiadi non risolve i problemi, bisogna boicottare i rapporti commerciali e diplomatici.

postatore sano ha detto...

Il significante castrato di questo post è nel punto di vista dei malnati cui costruiscono muri davanti casa malgrado siano la categoria di terrestri più numerosa. Allora io mi chiedo cosa succederà quando non basteranno i muri dal momento che se sei malnato non hai certo voglia di fischiettare "Sono solo canzonette".

Apsara ha detto...

...molto cinesi ; )