martedì 5 dicembre 2006

Abbattuto un egomostro


Negli ultimi giorni mi sono occupato eccessivamente di me stesso e questo mi ha fatto sentire un po’ in colpa. Non devo abusare troppo del mio ego: io ci sono caduto dentro da piccolo (forse perché giocavo molto con lego). Per questo motivo cerco di occuparmi di tante cose, per distrarmi da me, per evitare che il mio ego corra troppo veloce. Lui è nato per correre. Il mio ego è aerodinamico (l’ho provato nella galleria del vanto). Fatto sta che ho preso una decisione drastica: l’ho mandato a giocare con l’es e mi sono concentrato su altro. Non è stato facile, al mio ego non piace l’es, dice che è un nevrotico, che non sa nemmeno lui quello che fa, che imbroglia a monopoli e che la sua stanza è disordinata e piena di macchie di Rorschach. Ma tant’è, mando l’anima e la coscienza a fare da badanti e libero da qualsiasi accessorio egoriferente, mi faccio spugna (e pure un po’ pendaglio da forca) di ciò che succede intorno a me.
Ho fatto una lista non ragionata delle cose che sembrano interessare maggiormente i miei simili per sentirmi un po’ più simile ed ecco il risultato.
Pare che molti campi di calcio siano infestati da entità ectoplasmiche, note come “gol fantasma”, che sgomentano milioni di persone. La cosa interessante è che, al contrario dei fantasmi standard (quelli da castello scozzese o teatro dell’opera) che impressionano le persone ma non le pellicole, questi si possono vedere solo attraverso immagini riprese con strumentazione tecnica evoluta. Anzi si può dire che esistano grazie a questi strumenti: prima della loro invenzione non ve ne era traccia. Sono molto fastidiosi: fanno rumore di catene (quelle roteate dai tifosi) e lasciano segni del loro passaggio nelle città, nei giornali e nelle televisioni per giorni e giorni. Per contrastarli, bizzarria umana, invece di eliminare gli strumenti che li creano, se ne inventano altri più complessi sperando che non generino mostri ancor più spaventosi.
Nel mentre, dal governo giunge un’altra modifica alla finanziaria. Ora il ticket per il pronto soccorso è disponibile in prevendita su internet e la tassa di successione è annullata se si lascia tutto ai propri genitori.
In giro per l’Europa diverse spie luminose alimentate a energia nucleare, si accendono e si spengono per sempre. Difettosa intermittenza natalizia. L’ex primo ministro russo Gaidar presenta i sintomi di una nuova malattia, mai diagnosticata su altri esseri umani. Dal Cremlino fanno sapere al Gaidar che questa forma di edonismo non è benvista. In questo presepe alla Tim Burton, fini intellettuali italiani chiedono ai bookmaker inglesi a quanto è dato Scaramella che non arriva a Natale.
Frattanto, una nuova modifica alla finanziaria elimina definitivamente il ticket di pronto soccorso, ma inserisce il tassametro sulle ambulanze. La tassa di successione sale al 10% nel caso di lascito al gatto. Il balzello si può pagare a rate o a ratti.
Il partito dei pensionati accusa Prodi di gerontofobia e si butta a destra (si butta insomma, si dirige passeggiando lentamente). Casini accusa la Casa delle Libertà di negargli spazio solo perché invidiosa del suo fascino e prende su tutto l’UDC (che l’aveva portato lui) e si butta a sinistra (dove il fascino viene molto apprezzato). I viceministri giapponesi si mettono a dieta per essere da esempio nella lotta all’obesità, ma qualcuno pensa che i sushi bar siano deserti per altri motivi. Nelle Fiji c’è stato il quarto colpo di stato in 20 anni. Io faccio il tombarolo a Casalpusterlengo e non mi lamento, quelli vivono alle Fiji e passano il tempo a farsi la guerra. E’ proprio vero che i sogni si infrangono sulle bianche spiagge.
Contestualmente giunge rettifica della finanziaria. Al pronto soccorso è possibile avere prestazioni gratuite se si entra cantando “she’s got a ticket to ride”, mentre sono concessi forti sconti sulla tassa di successione se si lascia tutto allo stato.
Avvenimenti di aggressività adolescenziale hanno spinto avvertiti psicologi e sociologi ben vestiti a dichiarare che l’uso dei telefonini con videocamera generi stupidità. Io continuo a pensare che semplicemente la ritragga. Ma i grandi non sono da meno e il pm Woodcock (pene legnoso) continua le sue indagini a sfondo sessuale e pare abbia nel mirino Lele Mora, famoso… noto… stimato… va beh famoso, e il fotografo Fabrizio Corona (invidiato marito di Nina Moric), al centro di una vicenda di illecite pressioni su varie modelle, soubrette e veline. Pare che i due fossero in possesso di immagini scottanti in cui queste ragazze appaiono completamente vestite!!!
Nello stesso istante un emendamento alla finanziaria consente a chi muore senza lasciare nulla a nessuno, di non pagare il ticket di pronto soccorso.

Sono un po’ stanco, il mio ego mi manca, torno da lui. Nella cameretta dell’es mi attende però una scena agghiacciante. L’ego è steso a terra con un pugnale piantato nella schiena. L’es dice che se anche è stato lui, non lo ha fatto consapevolmente. L’anima si rivolge a me in modo etereo e dice “non guardare me, lo sai che io non esisto”. La coscienza è sporca, di sangue. Inghiotte una caramella per l’alito e dichiara “ho visto tutto, si tratta di suicidio”.

Technorati Tags: ,

3 commenti:

Essenza71 ha detto...

Bè...passi l'ego (anzi, nel caso specifico si addice di più l'EGO) in vacanza premio, ma perchè anche l' Es non lo capisco ;o))
Mi inquieta un po' il fatto che le notizie riguardanti ticket del pronto soccorso e tassa di successione siano sempre accoppiate, non vorrei vi fosse un messaggio subliminale.

In questo post hai dimostrato di essere geniale anche nel tuo terzo più "terrestre". Complimenti!!!

cruman ha detto...

è quello che ho pensato anche io sentendole sempre a braccetto dai tg. Abbiamo pensato la stessa cosa, uno di noi due dovrebbe preoccuparsi! :)
Ho un terzo terrestre???
Dove?

cruman

Essenza71 ha detto...

Eheheh!! Se io pensassi anche solo 1/5 di come pensi tu, avrei riserve nutritive per il mio Ego fino al 2026...quindi puoi iniziare a preoccuparti :o)
Non hai un terzo terrestre, è solo leggermente meno extra degli altri due, e dov'è non te lo so dire, si fa vedere raramente :o))