mercoledì 3 maggio 2006

Povero Cristo


Sono passati trent’anni da quando Woody Allen parlò per la prima volta di vangeli apocrifi, vergati nei “manoscritti del mar morto”. Testi di grande valore storico e culturale ritrovati in una grotta, dentro ad antiche anfore. Una scoperta di valore sociale elevatissimo e un evento di assoluta importanza archeologica, sebbene il fatto che le anfore contenessero anche due biglietti per holiday on ice, ha gettato qualche ombra sulla esatta datazione delle pergamene. I vangeli, sempre secondo Allen, furono scritti da una persona sola in momenti diversi, oppure da più persone che indossarono a turno lo stesso paio di pantaloni. Le anfore, con il loro prezioso contenuto finirono sulla bancarella di un rozzo mercante che, nella sua totale ignoranza le rivendette al prezzo di 800 mila dollari l’una.
Allen fu lungimirante pioniere di una moda che spopola negli ultimi anni: scoprire prove di falsi storici. Non avendo più risorse per scoprire qualcosa di nuovo, i ricercatori (di fama) si buttano su cose gia assodate cercando di smentirle. E a questo scopo qualsiasi carta straccia è ben accetta. Per esempio un tizio trova per terra la carta di un mac burger su cui c’è scritto “giulio cesare si è suicidato con 32 coltellate” e subito si urla alla riscrittura della storia. Chissà per quale motivo, se una qualsiasi fonte nega millenni di storia e ricerca, viene considerata indiscutibile e di colpo tutto il resto diventa favoletta da scribacchino. Voglio dire, quelli che hanno sempre pensato che i vangeli fossero la sceneggiatura di un film lunghissimo, in base a quale prova storica ora considerano i vangeli apocrifi come una registrazione fedele degli eventi? Mi viene da pensare che non si è alla ricerca della verità ma di qualsiasi cosa sostenga le stesse cose che sosteniamo noi. Qual è il soggetto preferito per questo sport? Ovviamente la fede. E’ la più facile da attaccare, ma anche quella che ha meno senso attaccare (spiegare o negare la fede con la storia è come rispondere sensatamente a una domanda di Marzullo). E quale tra le religioni è la più attaccabile? Quella cattolica senza dubbio. Rende di più negli spettacoli comici e nei talk show e nessuno ti si lancia addosso con del tritolo per bretelle. Devo ancora trovare un libro o un intellettuale che parli di come si possa confutare la storia di Maometto, o il fatto che un mussulmano una volta morto per la religione, viva in eterno tra fiumi di latte e miele, in compagnia di 70 vergini suri. Eppure non sembra molto più “scientifico” della bibbia tutto questo.
Vittima sacrificale di questa attività (atta solo all’autoglorificazione) è ovviamente Gesù, che mai come ora si può definire un povero Cristo. In questi anni l’abbiamo visto diventare di tutto: inesistente, illusionista, marito, padre….gli è stata assegnata qualsiasi età, aspetto, nome, genìa. Tra le ultime novità c’è quella di uno “scienziato”….eh sì….americano (tale Doron Nof), che dopo aver dimostrato che la divisione delle acque di fronte a Mosè altro non fu che un fortunatissimo fenomeno idrico, ha di recente spiegato il miracolo della passeggiata sull’acqua, argomentando che a quell’epoca in galilea c’erano le condizioni per la formazione di ghiaccio. Ovviamente di queste condizioni se ne rese conto solo Gesù, mentre tutti gli astanti osservavano estasiati lamentandosi della mancanza di qualcosa che rinfrescasse il loro martini con l’oliva (ma pensate se fosse scivolato!!).
La più recente “sensazionale” scoperta riguarda il buon vecchio Giuda (quello negro in Jesus Christ Superstar per intenderci), che dopo millenni di condanne, dopo essere diventato un insulto, viene riabilitato fino a più fedele discepolo, che arrivò a fingere un tradimento per seguire Gesù nel suo disegno di sacrificio e redenzione dell’uomo. Non si spiega poi perché Giuda arrivi ad impiccarsi per il rimorso (di che?) e perché Gesù stesso dimostri sulla croce di non gradire granché la fine che il padre gli stava facendo fare.
Io non sono un teologo e nemmeno uno storiografo, ma mi pongo le seguenti due domande: perché quando si scoprono questi documenti, invece di analizzarli con lo stesso occhio critico con cui sono analizzati secoli di storia, si grida subito “AH visto? Ve l’avevo detto!!!”, dando subito per scontato che siano la verità assoluta per il semplice motivo che sovvertono realtà consolidate?
E infine…qual è lo scopo di questi attacchi? Non certo storico, perché tutte queste cose vengono strumentalizzate e non studiate. Si vuole abbattere la fede? Una fede specifica? Dimostrare che dio non esiste? A uno che ha fede (in dio non nelle istituzioni culturali) che cosa può interessare se la sindone rappresenta Gesù o se è stata stampata in off set su una Heidelberg 108SM 8 colori con inchiostrazione automatica? Si vuole forse abbattere le infrastrutture ecclesiastiche? Ma a che scopo? A chi serve? Ad altre infrastrutture? O qualcuno si crede tanto superiore da dover salvare quei poveracci senza cervello che credono, partecipano e praticano? Sarebbe come andare da un Harleysta e dirgli “guarda che la tua moto perde pezzi”, pensate che diventerebbe un ducatista? E’ vero, la harley perde i pezzi, ma la amano anche per quello.
L’ultima volta che ho visto un Cristo Pantocratore, aveva un’aria strana e il gesto di benedire non pareva più tanto benevolo….non vorrei mai che arrivasse una risposta alla domanda di Woody Allen “Dio, che cosa hai fatto tu, ultimamente?”.

Technorati Tags: ,

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Ritenendo io la Chiesa Cattolica (come religione e come sruttura) uno dei motivi di arretratezza sociale, culturale e morale della nostra società, qualsiasi iniziativa volta a minarne le basi per me è meritoria.
Il concetto stesso che qualcuno (preti, ma anche mullah, imam, ecc.) si arroghi il diritto di essere un tramite tra noi e Dio è una cosa assurda. Che poi, grazie a quel diritto, pensi di avere il potere di sapere cosa sia giusto e cosa no in questa vita e decida anche per chi non è d'accordo, è incredibile. Non ho una grande opinione della mente delle persone;ma è certo che la religione cattolica sia fatta apposta perchè pochi ragionino e decidano per tutti gli altri. E questo, proprio, non mi và. Che poi la Sindone sia vera o falsa, che Gesù nuotasse o camminasse sull'acqua,ecc.ecc. proprio... non mi interessa.

cruman ha detto...

Non era mio interesse valutare il senso o la dannosità della religione cattolilca. Mi ponevo solo questioni su gratuiti attacchi che hanno basi labili quanto le cose che vengono attaccate. Certo è che almeno la religione cattolica ti dice come comportarti se vuoi far parte della chiesa, l'islam è proprio una legge, nel senso che nei paesi islamici se non rispetti i precetti coranici subisci pesanti ripercussioni (vedi post apposta sull'apostata), ma nessuno si affanna per attaccare questo tipo di religione. Nemmeno ho molta fiducia nelle capacità raziocinanti e nel buon senso dell'uomo, ma proprio per questo credo che gli aspetti negativi della chiesa siano diretta conseguenza della mediocrità umana, così come gli aspetti negativi della politica, lo sport, la massoneria, l'economia ecc.ecc.ecc. quindi trovo inutile scagliarsi contro le istituzioni o le infrastrutture sociali: se non si lavora sull'evoluzione umana, queste verranno sostituite da altre che nella migliore delle ipotesi saranno ugualmente deleterie. Quindi piuttosto che "qualsiasi iniziativa volta a minare le basi della chiesa cattolica (o altro)" preferisco dire "qualsiasi iniziativa volta all'evoluzione umana". Grazie per aver commentato.

Anonimo ha detto...

Ma l'evoluzione umana non potrebbe essere migliore se le persone fossero stimolate alla ricerca di un rapporto diretto con Dio (e quindi migliore con la propria coscienza, con gli altri)? Perchè il tramite di qualcuno a cui rivolgersi ? Non sarà perchè questo qualcuno, a quel punto, si ritrova il potere di gestire le persone? L'Islamismo integralista ne è l'esempio estremo, ma in Europa se siamo un minimo civili e intelligenti è per merito dei vari Galileo,Lutero (che infatti hanno rischiato la vita) e compagnia bella. Più che per 1000 papi.
E poi. Le regole della Chiesa per farne parte? L'indissolubilità del sacramento matrimoniale e gli annullamenti della Sacra Rota per impedire gli alimenti al coniuge debole? L'assoluzione, nella confessione, sempre e a tutti ? Ce ne sarebbero tante. Parecchie per insegnare alla gente che il sotterfugio, lo svicolare, la finta, l'ipocrisia siano sempre il modo migliore di agire. Ed infatti gli italiani, cattolici per eccellenza, sono i migliori in questo. C'hai un bel da cambiare Governo...

cruman ha detto...

D'accordo con te, ma ti sei chiesto perchè la gente "lascia" che qualcuno faccia da "tramite" tra la propria spiritualità e il divino? Forse sono più "deboli"? Diversi? Incapaci di imporsi? E come li gestiamo? E se li gestiamo non facciamo quello che fa la chiesa? O forse hanno solo una visione diversa delle cose? Forse qualcuno trova tutto questo (e quello che hai citato tu) "giusto". E se è così che cosa ci da il diritto di giudicarlo e abbatterlo? Non voglio nè arrivare a conclusioni nè portarti da qualche parte (tipo a un aperitivo), ma cercare di capire la profondità del senso delle cose e non solo ciò che si vede e si "tocca".

cruman ha detto...

...e ovviamente per quanto riguarda i sacramenti (quelli da adulti tipo matrimonio e estrema unzione, corna comprese) se uno non ha fede in queste cose basta non sposarsi in chiesa e cercare di morire lontano da un prete :) ma almeno se abiuri qui nessuno ti condanna a morte (non più perlomeno)

lost ha detto...

la religione cattolica dice" Dio si è fatto uomo ed è sceso in mezzo a noi".Si è fatto uomo non vuol dire metà uomo e metà Dio,vuol dire uomo con tutti i suoi pregi e,soprattutto,con mille difetti.
Non vedo perchè,quindi,la chiesa si affanni tanto a sottolineare ke Gesù non si è mai sposato nè,tantomeno,ha mai sentito il bisogno di frequentare donne,ke non rideva ma sorrideva appena,ke non sbraitava,ma sussurrava e potrei continuare con tutto quello ke le suore mi hanno inculcato per 5 anni.
E'un pò infantile ma non ho mai capito perchè è così importante,per la religione,ke Cristo fosse scapolo e Maria sua madre fosse vergine e ke fosse privo di qualunque bisogno umano.
Non sono certo questi i particolari ke fanno di un uomo un santo:
se ho fede e credo ke Gesù abbia portato un messaggio ke ha cambiato la storia dell'umanità questo mi basta,devo conoscere le sue opere e il suo pensiero,non le sue frequentazioni.
E' ovvio,quindi,ke appena si scopre ke il Figlio di Dio ha,forse,avuto una vita normale,la gente normale non ottenebrata esulti,non per screditare la Chiesa ma solo perchè si sente un pò meno misera e un pò più vicina a Dio.

cruman ha detto...

dal punto di vista concettuale lo capisco anche, ma la mia, come ho gia detto, era un'analisi storiografica. Se fosse come dici tu sarebbero i credenti ad esultare, invece esultano gli storici e i non cattolici. E uno storico deve interessarsi della verità storica non di quanto l'uomo sia vicino a dio. Poi credo anche che sia l'uomo a dover fare qualcosa per essere sempre meno bestia e un po' più "dio". E non credo che dimostrare che anche Gesù non era poi così "dio" sia la strada giusta. Con particolare riferimento alla sfera sessuale-affettiva. Concetto che Nietzssche riassume con "il più grande ostacolo per l'uomo sulla strada del divenire divinità è il bassoventre".

cruman ha detto...

inoltre non credo che lo sposarsi venisse considerato un "difetto" anzi. Sono moltissimi i personaggi "positivi" sposati nella bibbia. Quindi non credo sia per quello che Gesù rimanga "scapolo", ma probabilmente perchè la sua missione di redenzione avrebbe reso una donna infelice e vedova, in modo consapevole. Per finire non ricordo se nei vangeli si parli o meno di non attrazione verso le donne. Quello che so è che Gesù a sbraitare sbraitava, ne sanno qualcosa i mercanti del tempio!!

lost ha detto...

a parte il fatto ke l'essere scapolo non vuol dire esser privo d sentimenti e istinto,anzi semmai il contrario,poi se tu dici ke Gesù non voleva rendere vedova una donna,allora dai per scontato ke tutto doveva andare com'è andato ed era già scritto ke Giuda doveva tradire e tutto il resto.
Ma allora nessuno è colpevole d nulla e nessuno è degno d esser santo:tutti sono strumenti d uno stesso disegno per redimere l'uomo dal peccato originale.
Ma anke quello era già tutto scritto,ora io non so più a cosa credere,c sarà un premio e un castigo per uomini ke non possono comunque scegliere d agire contro ciò ke è stabilito per loro?
Lo so ke il tema si discosta da quello trattato,ma è importante sapere se Gesù ha potuto scegliere e,se sì,cosa ha realmente scelto.
Sicuramente non seguirebbe oggi la chiesa ke predica in nome suo,il suo messaggio è ancora troppo innovativo per la nostra chiesa

cruman ha detto...

Io non ho mai detto che essere scapoli significhi non avere istinti, anzi, ho detto esattamente l'opposto: ho ipotizzato che Gesù potrebbe aver represso (o non aver avuto affatto) quegli istinti in nome della sua "causa" e per questo è rimasto scapolo. Cosa che molti uomini (e donne) fanno anche oggi, quindi non è poi così distante dall'uomo.
Sulla questione destino si potrebbero dire mille cose: forse era scritto solo il suo (del resto se Dio ad un certo punto ha pensato "qui è meglio che mando giu qualcuno a sistemare le cose" evidentemente un disegno ce l'aveva, ed essendo onnipotente...). Forse sono tutti scritti o forse semplicemente Gesù ha capito che non si stava infilando in una situazione molto semplice e che probabilmente ne sarebbe uscito malconcio. Insomma tra il destino completamente scritto e la totale ignoranza su ciò che può accadere ci sono molte sfumature. La cosa determinante comunque è che nessuno lo sa e quindi non conta niente.