venerdì 30 giugno 2006

Crumanoid (CLDH: chi è chi - parto II)


Quando l’astronave dei suoi genitori sbandò e finì per impattare contro la superficie del pianeta Terra, Cruman era stato appena restituito e aveva soltanto 99 anni. Malgrado il suo fisico fosse ancora molto debilitato, la sua mente era lucida e comprese perfettamente come l’incidente fosse avvenuto a causa errore del navigatore planetario: l’infido strumento, con voce femminile e il solito accento del pianeta Fleed, aveva segnalato un’orbita rotonda dove invece c’era un regolatore vettoriale semaforico, e questo aveva fatto terminare l’astronave dentro un fosso gravitazionale.
In quella che a causa d’una serie di guasti cui le tecnologie locali non potevano porre rimedio sarebbe diventata la sua nuova casa, Cruman si trovò decentemente, anche perché nulla ricordava delle quattro lune del suo pianeta Cru, dei cerchi sui campi di grano, del cielo solcato dagli anelli d’asteroidi, delle notti che duravano una vita di farfalla, del lago radioattivo dove suo padre lo portò a pescare già pochissimi giorni dopo ch’era stato restituito. Non ricordava nulla perché poi erano subito partiti.
Dopo qualche stagione trascorsa sulla terra seduto sotto un portico a guardare i carri che passavano, Cruman sentì che il suo organismo stava raccogliendo un’energia sconosciuta: ormai aveva quasi 74 anni (ben portati), riusciva a fare lunghe camminate, addirittura ad andare a cavallo, e così iniziava a godersi davvero quello scorcio conclusivo del secolo diciannovesimo, nonostante qualche guerra e qualche razzia, che comunque non lo tangevano più di tanto perché allora i terrestri proteggevano gli esemplari anziani. Non si stupiva mai di nulla perché in fondo lui era nato imparato: per esempio aveva già nozione delle pesche-noci, ed era certo che prima o poi anche qualcun altro le avrebbe selezionate.
A un certo momento come niente fosse venne il Novecento, che lui andava già per i 60. Sentiva il fisico sempre più vigoroso, la mente lucidata a nuovo. Nei giorni di scirocco gli veniva di guardare le femmine terrestri come se c’entrasse qualcosa con loro. Per darsi un tono imparò a giocare alla pallacorda.
Davanti al portico passavano già da un po’ i cavalli a vapore e poi, più tardi, le carrozze infernali del signor Otto, però Cruman preferiva spostarsi col suo velocipede, oppure coi treni quando c’era della distanza da coprire. Gli piaceva molto viaggiare e appena poté acquistò una bussola. Aveva anche sentito che Oltremare un gruppo di persone aveva fondato la National Geographic Society, con lo scopo di diffondere la cultura del viaggiare, e questo gli parve molto strano, su un pianeta dove un mucchio di gente riesce a vivere bene sotto un portico. Lui però non si ricordava più d’aver visto la terra dall’alto, prima dell’incidente, e sapeva che se pure se ne fosse ricordato, sarebbero state immagini confuse perché all’epoca i suoi occhi erano ancora appannati.
Quando successe quel casino del ’15 non era ancora messo proprio bene, e quella fu una vera fortuna che gli consentì d’arrivare sulla cinquantina col sedere intatto: fu più o meno allora che cominciò a sentirsi al centro del mondo. Tuttavia quel centro doveva spostarlo di continuo perché intorno prima o poi se ne accorgevano: una volta, per esempio, successe che si fermò a vivere in un posto per un periodo di quattro raccolti e fu un tempo sufficiente perché i suoi capelli bianchi sparissero del tutto, e allora come al solito andò via. Ormai s’era abituato a non avere le fidanzate ma a incrociarle per un po’, e poi a inventarsi qualcosa. Viaggiando è facile inventarsi cose nuove, e nei periodi che non poteva viaggiare, Cruman la scampava leggendo i libri, che erano vite altrui, certe inventate, certe meno. Tutte buone scuse, comunque.
Quando successe quell’altro bordello nel ’41 la fortuna fece sì che non si trovasse a Occidente, ma in India, dove aveva sentito di un santone che possedeva la conoscenza per riparare l’astronave. Il problema furono i pezzi di ricambio: il santone disse che c’era da aspettare almeno centocinquant’anni, e poi andare in un posto che si sarebbe chiamato Taiwan. Cruman rispose che non sapeva se ce l’avrebbe fatta, per allora. Il santone disse che non si sa mai, che anche dove ora sorgeva la sua capanna una volta era tutta palude (e ci potevi costruire solo palafitte).
Forte dell’insegnamento, Cruman se ne andò negli Stati Uniti a godersi i suoi vent’anni, e fu lì che acquisì consapevolezza dell’esistenza delle cheerleaders, ma presto diventò troppo giovane anche per quelle e prima che andasse a finire male dovette darsi fretta per tornare nella Bassa, inverni nella nebbia ed estati polverose sotto le ruote della bicicletta nera.
Gli anni ruggenti del boom economico se li beccò da ragazzino, la rivoluzione sessuale che gli avrebbe fatto buon giuoco qualche decennio prima lo sorprese pressoché poppante, e nonostante la tenera età capì che al mondo non c’è giustizia e sperò che un Dio non esistesse (non per il suo bene, per il Suo).
Quando nel 1971 finalmente fu neonato, dentro di sé percepì imminente il punto dell’inversione e per colmo di sventura ebbe coscienza di possedere ancora/già un Q.I. pari a quello di un adulto che guida col retronebbia acceso in una limpida notte di luglio. Su quel pensiero si trovò nella posizione di non comprendere se fosse tanto o fosse poco e gli girarono i coglioncini, poi vide tutta quella luce e scoppiò a piangere.

Technorati Tags: ,

8 commenti:

Fede ha detto...

difficile credere che anche cruman sia stato un bambino... che fosse un "essere superiore" invece ne avevo il sospetto... certo che potremmo dargli una mano a riparare l'astronave...
scherzo, dai.... tesoro!!!
Fede

cruman ha detto...

Bene, lex lutor deve averti rivelato che gli appellativi affettuosi sono per i discendenti della stirpe di cru come la kriptonite per il cane di superman (gli fa venire imbarazzo di stomaco). Gentile da parte tua. Comunque il fatto che per vedere da dove provengo sia necessario alzare lo sguardo non significa che io sia un essere superiore. Solo un essere che viene da su. Significato...significante...

pace cosmica

cruman

Fede ha detto...

un cucchiaino di bicarbonato e tutto torna a posto, non temere.
quindi, cucciolo, quando sei di buon umore (capita, vero??) scodinzoli anche??
fede

p.s. mi do alla fuga... dopo questo commento temo per la mia incolumità...

cruman ha detto...

capitano,
attivi lo smolecolatore scorbutico.....

silvia ha detto...

Postatore Sano, sicuro di non poter essere contagioso? Perchè io vorrei tantissimo essere contaminata da te :D Questa cronostoria è a dir poco su-perlativa, sarà perchè parli di un essere decisamente su-periore, cioè che viene PER di là SU, dove lui, cioè l'IO di cruman, è forse un RE (ordunque un SUPERIORE).
Una sola domanda: ma se troviamo COMPONENTI (e mi appello al postulato di kevin ash) per aggiustare l'astronave, poi l'uomo di cru abbandonerà il ciclomotore per prendere il volo?

inyqua ha detto...

Questa storia di Cruman è bellissima...perchè è vera. Io lo so. Ed immagino come debba aver sofferto nel suo viaggio a ritroso nel tempo (ed ancor di più nel suo viaggio terreno dal 1971 in poi...). Onore quindi a postatore, reporter perfetto del leader indiscusso (in-dis-cus-so...) del blog. Attendo la storia di postatore con impazienza...ed attacco questa (invece che in salotto...) in un angolino della memoria...

Max G. ha detto...

Hai il condizionatore rotto?!?
Bye!

zanzara e chi se no? ha detto...

Posso testimoniare la veridicià dell'affascinante racconto.
Il prodotto letterario della crumaniana cervice testimonia che la saggezza si coniuga con la giovinezza come una cozza si coniuga con lo scoglio suo.

Siccome errare est humanum, extraterrestre pure, a tal contingenza risponde lo sfasamento della conoscenza del misterioso fenomemo delle cheerleaders, curiose entità dotate di propagini di dubbia origine il cui linguaggio primitivo è allo studio di scienziati del Seti per l'incerta origine semantica.
Il mancato rendez-vous risponde a un misterioso disegno, Mirò o Picasso del periodo rosa, che ha impedito la contaminazione semiotica.

Altresì lo sfasamento che ha impedito la parecipazione attiva alla rivoluzione sessuale, fenomeno che forse avrebbe turbato l'equilibrio creativo della superiore mente.

Il simpatico extrattutto,sarebbe stato distratto dalla partecipazione a pratiche interessanti ma certamento poco consone alla creatività artistica del nostro eroico prodotto
dello spazio misterioso.
Ai poster l'ardua sentenza ai quadri di Kandinsky la sentenza,la domanda inevasa senza indulto è, se si ispirò a lui per dipingere Gravitacion.